Sintesi della MINIfestazione a sostegno ad Angela Marcianó.
Un goffo ed esilarante tentativo per cercare di dare una spallata al Sindaco Falcomatà ed a tutta l’Amministrazione.
Presenze in piazza: un centinaio scarso. Di cui: una ventina di bambini assoldati per tenere manifesti offensivi e denigranti (commissionati in prima persona…) invece di farli andare a mare; una parte della destra reggina (capitanata da Pizzimenti e da Lamberti, il quale è in piazza dopo aver licenziato il 90% dei giornalisti di RTV già senza stipendio da 6 mesi…); ex consiglieri circoscrizionali di Alleanza Nazionale; alcuni dipendenti del settore lavori pubblici con cappellino e occhiali da sole (tentavano di nascondersi per la vergogna?); una dozzina di giornalisti; qualche giocatrice di calcio femminile; il gruppo Amici di Mino Reitano (ma non è stato il sindaco a scegliere di intitolare la piazza al grande Mino…?); passanti vari che nelle interviste lamentano il canone TV troppo alto per colpa del sindaco (sic!).
Insomma, P-sicofanti più che manifestanti.
Da segnalare che negli interventi a sostegno volano gli stracci contro Matteo Renzi, segretario del PD e diretto vertice di Angela Marcianó in segreteria nazionale del partito: dai sostenitori della dirigente PD è stato appellato “pifferaio magico”. Che ne penserà il segretario?
Chi commenta che la città è spaccata in pro-Angela e pro-Sindaco ha preso un abbaglio estivo: 59.000 elettori stanno con Falcomatà. Un centinaio di disperati è sceso in piazza oggi.
Al netto di tutto, l’unico commento da fare è: le bugie hanno le gambe corte.
Riceviamo e pubblichiamo da R.P

Commenti

commenti

A proposito dell'autore

SocialSud.it è il blog di storie quotidiane e di condivisione

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata